Luoghi e monumenti

 

Per ritrovare il passato Riva valorizza il suo centro storico e, nello stesso tempo, cerca la via del futuro con iniziative urbanistiche, sportive, folkloristico-culturali che migliorino la vita dei residenti e che attirino i turisti.


La torre cinquecentesca di piazza Ughetto

Dalla piazza parte via Nino Bixio, interamente pedonale, dove si affacciano il Comune, già palazzo dei Marchesi Carrega, l'Oratorio di San G. Battista, rifatto nel Seicento e con una statua lignea del Santo della scuola del Maragliano, e la parrocchiale di S. Maurizio, che si deve quasi scoprire all'interno del suo piazzaletto dal sagrato in ciottoli di mare.
La chiesa è di stile barocco ligure del Settecento, con un'unica navata dove si aprono le otto cappelle.

Al comune è stato conferito più volte il titolo di Bandiera Blu d'Europa, un riconoscimento per il suo mare pulito.
La visita a Riva deve comprendere il nucleo più antico, col Borgo Torre dove, in piazza Ughetto, si erge la torre cinquecentesca, adibita ad abitazione privata.


La facciata di S. Maurizio

Dipinti di pregio adornano cappelle e presbiterio e sull'altar maggiore troneggia il "trionfo di S. Maurizio" del Morgari. Belle anche alcune sculture, come il crocifisso e la Madonna del Rosario. L'organo è della fine del XVIII secolo.
I resti del celebre cenobio benedettino delle Grange, sono visibili a nord della via Aurelia, ai piedi del monte Grange.
La chiesa che un tempo sorgeva isolata sulla strada romana è oggi inglobata nell'abitato; l'ex pieve di San Maurizio si chiama oggi Santuario della Madonna del Buon Consiglio ed è una deliziosa chiesetta romanica (1242), già "curtis regia" medievale, poi cimitero.