Luoghi e monumenti

Airole è un paese di origine medievale, situato al centro di un nodo viario posto sulla via che conduce in val Roia, dove confluiscono le strade dalla val Nervia e dalla bassa val Bevera.
Un tempo esisteva solo il borgo che ha la classica conformazione a gironi concentrici che dal basso si avvolgono intorno ad un colle.
Airole ha le caratteristiche costruttive degli antichi borghi liguri, con le case addossate l'una all'altra, con i caratteristici vicoli o "carrugi" in salite che sfociano nella parte alta del paese, nella piazza principale, ove sorgono i monumenti e le chiese, vero cuore pulsante di vita, delle attività dei cittadini attualmente così come avveniva nei secoli passati.
Oltre ad alcuni tratti di bastioni derivati da antiche fortificazioni difensive, il monumento più antico e di maggior pregio è la Chiesa Parrocchiale dedicata ai Santi Giacomo e Filippo e la Torre Campanaria, il tutto in stile barocco, ricostruiti nel secolo diciottesimo. Non esistono monumenti più antichi, in quanto Airole, durante le guerre tra i Savoia e i Genovesi, nel XVI secolo, fu distrutta dagli eserciti delle opposte fazioni, per ben tre volte. Appena fuori dal paese, il santuario della Madonna delle Grazie custodisce una pregevole statua lignea della Madonna. Il 1° maggio è la Festa patronale dei Santi Giacomo e Filippo.
Passa per l'antica strada del sale la Marcia Internazionale della Val Roia di fine maggio: 15 km da Airole e Breil, in territorio francese, e viceversa, passando dal valico di Fanghetto.