Luoghi e monumenti

La Chiesa VecchiaNel punto più alto dell'abitato, in epoca preromana, sorgeva un tempio pagano ed è lì che sorse la chiesa Vecchia, un eufemismo per ricordare uno dei primi luoghi di culto di epoca romanica, come testimoniano i capitelli del piccolo portico antistante il portale in pietra nera.
L'edificio fu ricostruito nel '700 ma subì la stessa sorte del paese colpito dal disastroso terremoto del febbraio del 1887, quando peri più di un quarto della popolazione.

Un carrugioNel bell'oratorio di San Salvatore, in piazza de Sonnaz, e possibile ammirare il polittico detto "della Trasfigurazione", opera di un artista locale, Emanuele Maccari, datato intorno al 1550, Una raccolta di dipinti di pregio e visitabile nella Pinacoteca Civica presso 1a Parrocchiale del Sacro Cuore: in maggioranza si tratta di opere de1 nostro secolo a cominciare dai lavori di Antonio Rubino, originario proprio di Bajardo.

Dalla chiesa Vecchia parte un itinerario che rasenta il limite a valle dell'abitato medioevale; e un sistema di scale e viottoli, e spesso il passaggio e complicato a causa di rovine e macerie: chi ama la vita comoda può partire anche da via Piecastello, ma l'antico passaggio e senza dubbio più affascinante. Poco oltre lo spazio urbano antico e ancora visibile un frantoio da olive che era azionato dalla forza di uno o più animali, con la caratteristica, grande macina in pietra.