Luoghi e monumenti

Il nucleo originario di Ceriana, prima dello sviluppo del borgo attorno al Castello (sec. XII°), era più a valle dove sorge l'antica Parrocchiale di S. Pietro (ora Santo Spirito). Della Chiesa originaria, romanica (XI° - XII° sec.) resta la parte bassa del campanile, mentre la cella campanarie e cuspide sono del XV' sec.
La panca in pietra che corre lungo il muro di ponente è tipica dell'antica costruzione.
La navata centrale è separata dalle laterali da una serie di cinque pilastri attualmente imbiancati. I capitelli sono diversi.
La parte posteriore della Chiesa e divisa da quella anteriore da un muro c4e attraversa la navata all'altezza del 3° pilastro e lascia l'apertura soltanto nel centro. ciò farebbe pensare alla divisione delle prime chiese cristiane, con il settore in cui erano ammessi i catecumeni e farebbe datare la Chiesa almeno un secolo prima. Forse la parte anteriore era riservata agli uomini e la parte dietro il muro alle donne.
La Chiesa di Santo Spirito, oltre ad essere elegante e spaziosa, ha diversi interessanti esempi di pittura del XIV' e XV' secolo. Un dipinto su legno, che si trova nel Coro dietro all'altare, rappresenta S. Pietro, in paramenti pontificali, al centro, con S. Paolo ed altri Santi in differenti pannelli. Nella predella sono rappresentate scene di S. Pietro.
Questo quadro in stato piuttosto precario e degno di essere notato quale esempio dell'arte ligure in questi villaggi dell'entroterra. Il pulpito e di legno ed e sostenuto da una colonna molto larga con un pesante capitello. Lo slanciato e grazioso campanile contribuisce al fascino dell'esterno della Chiesa di S. Spirito.
L'attuale complesso è una ricostruzione del 1513 (iscrizione sul portico laterale con le firme dei lapicidi di Cénova veri artisti dello scalpello).
Proprio sotto la Chiesa, immediatamente sotto il villaggio, il sentiero attraversa il torrente su di un ponte molto ardito, che potrebbe fornire oggetto magnifico per un quadro.
Un altro edificio di Ceriana che merita una visita è la Cappella di San Salvatore, che, per quanto meno bella di Santo Spirito, è molto più antica.
La severità della costruzione, i grandi contrafforti che sostengono le mura esteriori e gli archi bassi, larghi e rotondi, documentano l'antichità della Chiesa.
Gli affreschi dell'interno sono stati imbiancati ad eccezione delle figure di Cristo, S. Salvatore (a sinistra dell'altare), di S. Pietro, che tiene le chiavi, a destra e di una terza figura sul muro a sinistra, più vicino alla porta. Questa vecchia cappella monumento nazionale e situata su di una collinetta al di sopra del paese, raggiungibile per una mulattiera in circa 10 minuti di cammino.
All'ingresso del paese un cartello giallo indica i monumenti di interesse storico e artistico che, oltre di Chiesa di Santo Spirito e San Salvatore, sono degni di considerazione: Oratorio della Visitazione, della Confraternita degli Azzurri, costruito su mura romane; Oratorio di S. Marta, della Confraternita dei Verdi, conservante le urne dei Martiri Placido e Germanione; Oratorio di Santa Caterina, notevole per la Pala di Santa Caterina tra Santa Chiara e Santa M. Maddalena (dipinta intorno al 1545 da Francesco Brea, nipote di quel Ludovico Brea che era a capo della Scuola Ligure - Nizzarda). Presenta pianta longitudinale con un'artistica facciata del XVII° sec. di Scuola Borrominiana.
Edificio di un certo valore storico è la Chiesa Parrocchiale di San Pietro, situata sull'unica piazza centrale del paese, con due campanili in facciata, edificata nel XVII° secolo.
Nella Sacrestia si conserva un'altare in legno di tiglio del XVI' secolo. Sull'area del Castello sorge ora la Chiesa Parrocchiale, ma a ricordare l'antico borgo fortificato (il Castrum Coelianae) restano tracce delle mura e della Porta del Castrum in pietra locale a grossi blocchi non squadrati.
Si conservano pure le tracce della Porta dell'Oppidum o della Pena, ad arco ribassato, rozza, anteriore a quella del Castrum.
Si apre quindi il camminamento coperto che raggiunge la Chiesa di San Pietro e la Torre di S. Andrea, quadrata, in pietra e calce, con feritoie nella parte bassa, mentre la parte superiore, a cuspide, e un'aggiunta successiva.