Luoghi e monumenti

COSA VEDERE

SAN GREGORIO . Del XII secolo è uno dei più antichi monumenti di tutta la zona, trionfo dell'antico gusto romanico con poche aggiunte tra cui il rifacimento gotico del portale con in lunetta un pregevole affresco. L'interno, ad unica navata, presenta il raro e caratteristico muretto divisorio simile a quello presente nella Chiesa di Sant'Antonio a Costarainera. Particolarmente nell'abside colpisce il fascino dell'antica pietra impreziosita da minuscole monofore. Oggi il Comune sta cercando di compiere nuovi sforzi per evitare il degrado di questa splendida testimonianza dell'antica arte locale.

Caratteristici scorci di Pietrabruna

CHIESA PARROCCHIALE .
Titolata a San Matteo è l'unico esempio di costruzione neo classica presente in vallata.
L'attuale edificio, opera dell'architetto Cantoni ed ultimata nel 1938, sorge su una più antica costruzione di cui rimangono alcuni resti sistemati sul sagrato.
L'interno è a croce greca appena accennata e molti degli arredi che presenta sono stati voluti, nell'arco di mezzo secolo, dall'attuale Parroco.
Particolare l'altare maggiore disegnato durante la guerra e che porta incastonato un tabernacolo di gusto barocco.
Il coro ligneo proviene da Molini di Triora e undici delle quindici statue presenti nella Chiesa sono opere in legno di artigianato altoatesino.
Pregevole una Madonna del Rosario sull'altare di sinistra.

ORATORIO DELL'ANNUNZIATA.
Vi si conserva una tavola del XVI secolo firmata Agostino Casanova.

SAN SALVATORE.
Discosto dal paese e posto sulle pendici del Monte Faudo è meta di amene passeggiate. Conserva nell'interno notevoli affreschi che ne consigliano la visita. Feste.
Festa patronale: 21 settembre - San Matteo; altre festività: 12 marzo - San Gregorio.


La floricoltura è una delle principali attività a Pietrabruna