Curiosità e tradizioni

  La storia  

  Il paese  

  Le ricorrenze  

 


 
 

La storia

Sul monte Abellio, che prende nome da un dio celto-ligure, sono venuti alla luce reperti che rivelano un'origine addirittura preromana di Rocchetta Nervina.
Nei pressi della località non mancano comunque significativi reperti di epoca romana, quando il sito divenne sede di strutture prediali, cioè di vere e proprie aziende agricole amministrate da servi e coloni: un segno di importante vita di relazione in epoca imperiale romana, per esempio, è stato dato dal ritrovamento di un buon numero di monete romane di varia epoca tra cui si notano i tardi costantiniani ed alcune monete degli imperatori Gordiano II e III.
Il fondo ligure-romano più significativo dell'area di Rocchetta Nervina è tuttavia da identificare nella località Oggia (nell'area che va sino al torrente che vi scorre per congiungersi al rio Barbaira: vi si è comunque identificata una bellissima coppella cerimoniale d'influsso celtico – diametro di 14 centimetri, profilo di 7 – nelle vicinanze di una cascatella d'acqua talora inghiottita – fenomeno usuale per basi sacrali preromane – da un fenomeno carsico) dove si trova un bosco con campi gerbidi, vigneti e qualche casolare isolato.
Dal nome medievale del sito (in un atto del 1356), che alterna le forme Ogia e Ogiani, si risale infatti con facilità a quello ligure di persona Obios e, quindi, agli esiti romanizzati Obienus e Obellius: del resto, in occasione di alcuni lavori di ripascimento agricolo sul campo, si scoprirono in questa zona vari reperti romani tra cui i frammenti di un'anfora (questa zona e comunque tutto il territorio rocchettino, specialmente per gli itinerari che lo mettevano in contatto con Pigna e Dolceacqua, godettero di una continuata visitazione umana: peraltro i ruderi di edifici cristiani, come quelli d'una chiesetta d'origine monastica intitolata a Santa Lucia, rafforzano tale affermazione e l'idea che, in prossimità di vecchi insediamenti romani, specie in vicinanza delle strade, siano stati eretti edifici religiosi d'importanza non solo spirituale ma anche viaria, come luogo di ricovero per i pellegrini che, lungo queste vie alpestri, si spostavano per la valle del Nervia, magari discendendo dal Basso Piemonte alla costa – peraltro da Rocchetta un tragitto pur aspro collega con la valle del Roia – o, al contrario, risalendo a nord, con l'Oltregiogo).
In epoca medievale le prime notizie documentabili si trovano invece entro un manoscritto del 1186, dove il borgo fortificato è denominato Castrum Barbairae, essendo bagnato dal Rio Barbaira. In quell'anno un'insurrezione degli abitanti costrinse Enrichetto dei conti di Ventimiglia , signore anche di questo luogo, a rifugiarsi nel castello, dal quale venne cacciato però, più tardi, definitivamente.
Dal 1348 al 1378 Imperiale Doria, signore di Dolceacqua vantando diritti su Rocchetta, ribelle alle sue tante ingiustizie, diede inizio ad un periodo di rappresaglie, incendi e scorrerie devastatrici che sorpresero senza difese gli abitanti del borgo, il quale fu poi dato alle fiamme.
Rocchetta, poi villa del vasto comune di Saorgio, ebbe però sempre vita travagliata sino a quando non passò sotto il dominio dei Savoia nel '400, come si vuole evidenziare nello scudo sabaudo posto sotto il tabernacolo in pietra, ornante la porta laterale della chiesa parrocchiale di Santo Stefano: successivamente venne concessa quale Comitato ai Doria, ormai vassalli dei Savoia e in tale stato rimase prima di raggiungere l'autonomia alla fine del XVIII secolo quando divenne libero comune della Repubblica Ligure, quindi del regno di Sardegna (dopo il 1815), e ancora del Regno d'Italia (1861).

Inizio pagina


 

Il paese

Rocchetta Nervina, alla confluenza del rio d'Oggia con il torrente Barbaira ove finisce la strada carrozzabile che giunge da Ventimiglia lungo la valle del torrente Nervia, data la sua modesta altitudine (216 metri sul livello del mare) e la vicinanza alla costa (11 chilometri), ha i connotati ideali della località che gode dei migliori benefici climatici della Riviera, restando contemporaneamente lontana da rumore, traffico, cementificazione.
L'economia è fondata sull'olivicoltura, sulla floricoltura e sulla viticoltura, quest'ultima molto sviluppata e diffusa.

Inizio pagina


 

Le ricorrenze

Le ricorrenze che comportano festeggiamenti popolari sono il 26 dicembre – festa patronale di Santo Stefano Protomartire, il 2 settembre, festa votiva alla Madonna che salvò il paese da un'invasione dei saraceni.
Le specialità gastronomiche locali sono il coniglio alla rocchettina e lo stufato con capra e fagioli nonché i ghiotti canestrelli e le dolci bugie.

L'attrezzatura ricettiva è composta da ottimi ristoranti, mentre lo sport è fondato sulla pesca della trota, nel torrente Barbaira, sulla caccia ai tordi, al cinghiale e alla lepre, oltre che sulla pratica del gioco delle bocce.
Di notevole qualità sono poi gli spettacoli teatrali con la Cumpagnia Ri Figliöi Ruchetin e in particolare il "Corso internazionale di Musica antica", organizzato in collaborazione con Isolabona.

  Inizio pagina